Download http://bigtheme.net/joomla Free Templates Joomla! 3
Trending
Heat Index

5 assurdità della vecchia serie di Wonder Woman

by Press8 giugno 2017
Serie TV
Now Reading
5 assurdità della vecchia serie di Wonder Woman
0

Siamo in completa frenesia da Wonder Woman. Il film diretto da Patty Jenkins e con Gal Gadot sta conquistando critica e pubblico (è in questo momento il film più visto nel mondo), mentre sta rinverdendo il successo dell’eroina amazzonica i cui fumetti risalgono al 1941. Ma per molti, quando pensano alla guerriera che si nasconde sotto le vesti civili di Diana Prince, la prima a venire in mente è ancora la celebre Lynda Carter.

Protagonista della serie tv dedicata a Wonder Woman dal 1975 al 1979, Carter è ancora una delle interpreti simbolo di questa supereroina Dc, tanto da essere stata presente alla premiere del film e venire ancora adesso corteggiata per recitare un cameo nel sequel (attualmente interpreta il presidente degli Stati Uniti nella serie Supergirl).

Il telefilm degli anni Settanta, comunque, nella travagliata storia mediatica di Wonder Woman, si pone ancora uno dei risultati più convincenti. Ciò non toglie che, anche considerati i tempi, quel prodotto televisivo con una forte protagonista femminile si portasse dietro la sua buona dose di approssimazioni e assurdità.

1. La piroetta
wonder-woman-spin

Nella serie Wonder Woman, una principessa amazzone che aveva salvato il maggiore americano Steve Trevor precipitato sulla sua isola, torna con lui arruolandosi nell’esercito americano col nome di Diana Prince, portando a termine numerose operazioni di controspionaggio. Fin qui siamo più o meno in linea con la continuità dei fumetti, ma la novità legata al telefilm è che Diana si trasformasse in Wonder Woman girando vorticosamente su sé stessa.

In un’intervista a Entertainment Weekly del 2005, Lynda Carter rivelò di essere stata lei stessa a inventarsi quella mossa divenuta così memorabile: “Non si riusciva a trovare una soluzione per la sua trasformazione in scena“, ha dichiarato l’attrice, “così io, che ero ballerina, ho suggerito che avrei potuto fare una piroetta“. Nel film pilota e nei primi episodi, peraltro, la rotazione lasciava Wonder Woman trasformata ma con anche i vestiti di Diana in mano, creando l’imbarazzante situazione di non sapere dove riporli.

2. I salti temporaligiphy

In pochi ricordano che il film pilota del 1975, che ha dato il via alla serie e la prima stagione andata in onda fra 1976 e 1977, erano ambientati durante la seconda guerra mondiale. Dopo la prima stagione, però, la Abc decise nonostante il successo di cancellarla, perché le ambientazioni d’epoca erano troppo costose e i nemici (i soliti nazisti) iniziavano a diventare noiosi.

L’anno successivo, però, la Cbs non si fece nessun problema a ordinare nuove stagioni, intitolate ora The New Adventures of Wonder Woman e ambientate nella contemporaneità, cioè negli anni Settanta. Gli unici del cast a rimanere furono ovviamente Carter e Lyle Waggoner, che nella stagione precedente interpretava Steve Trevor e ora suo figlio, Steve Trevor Jr (venne escluso però un coinvolgimento romantico anche con il discendente). Nonostante fossero passati 35 anni, Wonder Woman non era invecchiata di un soffio e nessuno si fece particolari domande, trattandosi pur sempre di un essere semidivino.

3. Le attrezzatureezgif-1-e208cb047a

Nelle diverse versioni a fumetti o animate, Wonder Woman può variabilmente volare o fare lunghissimi balzi. Non potendo rendere questi poteri anche nella serie, i potenti mezzi delle tv anni Settanta pensarono bene di riesumare un altro dei suoi mirabolanti attributi: l’aereo invisibile. Anticipando di parecchi decenni la tecnologia stealth, si vedeva l’eroina volare su quello che era chiaramente un modellino di aeroplano trasparente.

Ma l’equipaggiamento della protagonista non finiva sicuramente qui. C’erano ovviamente i bracciali che rifrangevano i proiettili (su cui Lynda Carter azionava manualmente della cariche esplosive per simulare gli spari) e il lazzo che costringe a dire la verità. Non mancarono però attrezzature più moderne, come una tuta da sub a stelle e strisce e uno skateboard corredato dal suo caschetto en pendant.

4. I nemici
3974990-trip_down_memory_lane_29

Nel corso dei numerosi episodi la struttura narrativa era piuttosto stabile: Diana Prince, segretaria dell’esercito all’apparenza svampita, veniva a conoscenza di qualche operazione segreta o svelava quasi casualmente l’identità di una qualche spia. A quel punto entrava in azione Wonder Woman e, dopo essere stata quasi sempre buttata al tappeto, intrappolata o ridotta in stato d’incoscienza, si riprendeva e sconfiggeva i nemici di turno (senza quasi mai usare la violenza, molto mal vista sul piccolo schermo all’epoca).

Per gli standard delle serie di quegli anni niente di troppo banale. Sorprendenti sono i nemici che di volta in volta la nostra era costretta ad affrontare: da ballerini con poteri ipnotici a delfini dalla volontà maligna, passando per bambini col potere di rubare le anime dei malcapitati con le Polaroid, una gang di mimi, fino all’incredibile cervello senziente di un milionario defunto. Niente che una principessa amazzone cresciuta in un’isola tropicale non possa sconfiggere, in ogni caso.

5. E gli amici
tumblr_mjmvdbVqF41rtg76ko1_400

Non che gli alleati di Wonder Woman nella serie fossero meno bizzarri. A partire dalla sorella, Drusilla, inviata in mezzo agli umani nella prima stagione per riportare Diana sull’isola Paradiso ma poi convinta a stare con lei per vedere quanto il mondo avesse bisogno di aiuto. Si trasformava quindi in Wonder Girl (in altre versioni a fumetti il personaggio è riservato alle allieve, e non alla sorella, della Wonder Woman ufficiale), ma il suo ruolo fu così fastidioso (e inutile) da durare solo alcuni episodi.

Ma se qui siamo ancora nel canone dei fumetti, gli altri compagni di avventura di Diana Prince sono degni della più fervida immaginazione degli sceneggiatori anni Settanta: andiamo infatti da un supercomputer dotato di precoce intelligenza artificiale, Irac, a un piccolo robot semovente dalla voce squillante, chiamato Rover. In uno degli ultimi episodi, quando Wonder Woman si trasferisce a Los Angeles in vista di un’ipotetica ma mai realizzata quarta stagione, viene introdotto anche uno scimpanzé dalla pellaccia indistruttibile. Non sapremo mai come sarebbe andata a finire, comunque, a meno che il primate non venga reintrodotto in uno dei prossimi film.

The post 5 assurdità della vecchia serie di Wonder Woman appeared first on Wired.

Pubblicato in: NEWS

Dopo aver letto questa notizia mi sento:
Felice
0%
Euforico
0%
Divertito
0%
Sorpreso
0%
D'accordo
0%
Triste
0%
Deluso
0%
About The Author
Press
TOP ARTICOLI
 
 
 
 
 
NEWS
 
Palermo Comic Convention
Palermo Comic Convention 2017: Dal 22 al 24 settembre
 
 
 
 
Copy Protected by Maskuliddu for Arcade 24.