Serie TV
Now Reading
Cinque serie horror da recuperare in attesa di Lore
0

Oggi debutta, solo in inglese, su Amazon Prime Lore, una nuova serie horror tratta da un podcast che conta sei episodi per altrettanti racconti differenti. L’obiettivo di Lore è celebrare il genere horror attraverso la potenza della suggestione, del racconto attorno al fuoco e della leggenda metropolitana.

In attesa che arrivi la versione italiana, prevista per l’1 dicembre, ecco a voi cinque serie tv a tema horror che dovete assolutamente recuperare per ingannare l’attesa.

1. Penny Dreadful
La serie perfetta per gli amanti delle atmosfere vittoriane e i fan di Eva Green. Tre stagioni in cui gli archetipi classici del racconto horror — Dorian Gray, il Lupo Mannaro, i Vampiri, il Dr. Frankenstein e la sua creatura — sono messi uno di fianco all’altro nella Londra che fu di Jack lo Squartatore. Il risultato è un racconto che sta a metà tra La lega degli straordinari gentleman e Downton Abbey, scavando nell’animo dei protagonisti e offrendo una rivisitazione non banale delle loro vicende. Il tutto è supportato da prove attoriali decisamente di spessore. Peccato che Showtime abbia deciso di chiudere prematuramente questa serie, che nel frattempo è diventato una piccola forma di culto per i suoi sostenitori.

2. Dead Set
Prima del plauso internazionale di Black Mirror e prima che The Walking Dead si prendesse il monopolio degli zombi, Charlie Brooker girò questa miniserie di cinque episodi che ambientava l’apocalisse zombie durante una versione inglese del Grande Fratello. Il risultato è una discreta variante sul genere che mescola grandi classici del tema con l’occhio decisamente particolare dell’autore per la società in cui viviamo. Certo, forse i puristi potrebbero scuotere la testa di fronte agli zombi che corrono, ma se pensate che il genere non abbia più niente da offrire godetevi questa piccola chicca. Non guarderete più i reality con gli stessi occhi.

3. The River
Vi ricordate quando il successo Paranormal Activity resuscitò il genere del found footage, sparito dopo i fasti di Blair Witch Project? Il merito fu di Oren Peli, regista e produttore israeliano che da quel momento si dedicò anima e corpo a questo tipo di horror, producendo anche questo The River, una serie tv interamente girata in soggettiva che descriveva le vicissitudini di una troupe televisiva alla ricerca di orrori e misteri lungo il Rio delle Amazzoni nel tentativo di ritrovare un noto esploratore scomparso. Purtroppo il tutto arrivò quando ormai il genere aveva stancato e il pubblico non ne poteva più di riprese mosse e fuori fuoco, quindi di The River resta una sola stagione. Tuttavia è un prodotto interessante e da recuperare se cercate qualche brivido facile, ma senza un finale.

4. Hannibal
Più che una serie tv un monumento alle doti recitative di Mads Mikkelsen, che mette in scena un giovane Hannibal Lecter totalmente diverso dall’immagine lasciata da Anthony Hopkins, ma non per questo meno inquietante e interessante. Attorno a lui ruotano una serie di attori altrettanto bravi come Hugh Dancy, Gillian Anderson e Lawrence Fishburne che, complice una fotografia ricercatissima e una storia allucinata e allucinante, mettono in scena uno dei racconti horror/thriller più interessanti degli ultimi anni. Le prime stagioni sono un pugno nello stomaco che un po’ perde potenza quando si arriva verso la fine, ma rimane comunque l’unica serie tv in grado di farvi venire fame mentre vedete cucinare le interiora di un essere umano come se fossero un filetto alla Strogonoff.

5. Masters of Horror
Il nome dice tutto, ma se non vi basta possiamo anche buttare qua e là qualche nome, tipo John Carpenter, Stuart Gordon, Dario Argento, John Landis, Don Cosccarelli, Takashi Miike e Tobe Hooper, tutti riuniti in una serie antologica da due stagioni con 13 puntate di un’ora l’una. Come tutte le serie di questo tipo la qualità non sempre è al massimo, ma ci sono alcuni episodi che meritano assolutamente la vostra attenzione, come quelli di Argento o il Cigarette Burns di Carpenter. La cosa interessante è che questa serie nasce da una serie di cene “tra amici” in cui i migliori registi al mondo di film horror si ritrovavano per scambiarsi commenti, idee o semplicemente condividere una bella serata. Dalla tavola allo schermo il passo e stato breve e raramente si trovano nomi di questo calibro coinvolti in progetti che gli lasciano totalmente in mano le redini della creatività.

The post Cinque serie horror da recuperare in attesa di Lore appeared first on Wired.

Pubblicato in: NEWS

Dopo aver letto questa notizia mi sento:
Felice
0%
Euforico
0%
Divertito
0%
Sorpreso
0%
D'accordo
0%
Triste
0%
Deluso
0%
About The Author
Press