Gaming
Now Reading
Le guerre stellari di Star Wars: Battlefront II – recensione
0

L’impero colpisce ancora.

battlefront_2_closed_alpha_leak_screen_10

Cosa spinge uno sviluppatore consapevole di quelli che sono gli elementi fighi della sua storia a buttarli tutti dalla finestra nell’arco di poche ore? Non lo so, ma è quello che è successo con Star Wars: Battlefront II.

La modalità campagna partiva da queste basi: la storia raccontata dal punto di vista imperiale, che fa da raccordo tra l’episodio 6 e il 7 e ricca di personaggi memorabili. Senza rovinare troppo la sorpresa, vi basti sapere che nulla di questo è completamente vero. Dopo poche missioni, infatti, gli sceneggiatori decidono di banalizzare tutti questi elementi per creare un classico polpettone spaziale ambientato nell’universo di Star Wars. Ed è un peccato perché prese una ad una le dodici missioni della storia sono piacevoli, ben costruite nel loro alternare le fasi a piedi con quelle a bordo di veicoli e in controllo di uno degli eroi classici.

Peccato siano cucite insieme da dialoghi banali, incapaci di dare spessore ai personaggi, ma anche di spiegare perché si salta da un punto all’altro dell’universo.

In questo modo il tutto si riduce ad un buon tutorial impreziosito da una grafica davvero eccezionale, soprattutto su PS4 Pro, Xbox One X e PC dove è possibile godere dei 4K e dell’HDR.

StarWarsBattlefrontII-3-2

Passando a parlare dell’offerta online, sugli scudi ci sono sicuramente i due Assalti, ovvero le battaglie più complesse con obiettivi asimmetrici e una progressione “narrativa”. A piedi le atmosfere sono quelle dei Battlefield: ambienti ampi, la presenza di veicoli e nemici che spuntano dalle fottute pareti. I più celebri pianeti delle tre trilogie sono, ovviamente rappresentati e non nascondo il piacere di “vivere” nuovamente una battaglia su Hoth con gli AT-AT che caracollano stancamente sulla neve.

Le differenze sono da ritrovarsi nella diversa precisione delle armi e nell’assenza della distruttibilità che incide più del previsto sulla battaglia. Vedere gli AAT circumnavigare un canneto o non poter colpire un nemico nascosto dietro una sottile parete di legno sono elementi che si notano, ma che non incidono sulla qualità globale dell’esperienza.

Gli Assalti Caccia Stellari sono la stessa modalità, ma a bordo degli X-Wing e dei TIE Fighter al posto che dei soldati normali. Le sensazioni e le atmosfere dei film, con i furiosi inseguimenti tra gli asteroidi sono quanto di più vicino ci sia tra le pellicole e i videogiochi della serie, per fedeltà visiva, sonora e di ritmo. Dopo una veloce fase di ambientamento con i controlli vi troverete a sfrecciare nei cieli, sfiorando gli ostacoli e compiendo evoluzioni per seminare gli inseguitori o sganciare un missile.

Tutto bellissimo, con l’obbligo, però, di limare i bordi degli elementi dello scenario, decisamente più ampi di quanto appare a schermo e dunque spesso ostacoli invisibili contro i uali si andrà a sbattere.

Mi è piaciuta anche la modalità Eroi contro Malvagi, per il suo essere strategica nonostante le premesse di ignoranza e la modalità Arcade, una buona palestra per imparare le basi del gioco o condividere la partita con un amico.

StarWarsBattlefrontII-7-1

Decisamente più anonime le versioni di team deathmatch e corsa, buone come introduzioni all’online, ma poco incisive nell’economia dell’esperienza.

Un plauso sia alla scelta di introdurre i Battlepoints, ovvero la meccanica che lega l’acquisizione di eroi e mezzi, sia quella di modulare il modello economico delle microtransazioni in base alle richieste della comunità. In queste settimane EA ha deciso ti tenere fuori le carte epiche dai loot box, oltre che di abbassare il costo per l’acquisizione degli eroi. Il tutto per cercare di bilanciare la necessità di avere sufficienti introiti per mantenere online i server e far arrivare gratuitamente tutti i contenuti post lancio promessi e le esigenze della comunità, poco incline ad accettare che qualcuno possa avere dei vantaggi di gioco spendendo ulteriori denari.

A mio avviso quello di DICE è un compromesso non ancora perfetto, ma accettabile.

Prova quindi superata per Star Wars: Battlefront II, che non sarà il nuovo punto di riferimento per gli shooter online, ma è un’esperienza in grado di incanalare le atmosfere e le emozioni di Guerre Stellari. Quella di DICE è oltretutto una piattaforma che promette di evolversi nelle prossime settimane, introducendo progressivamente nuove modalità, mappe e mezzi.

Pubblicato in: NEWS

Dopo aver letto questa notizia mi sento:
Felice
0%
Euforico
0%
Divertito
0%
Sorpreso
0%
D'accordo
0%
Triste
0%
Deluso
0%
About The Author
Press