Gaming
Now Reading
Un trattamento sperimentale cerca di curare la schizofrenia con la realtà virtuale
0

Grazie ai recenti visori per la realtà virtuale come Oculus Rift, Gear VR di Samsuns e HTC Vive, uno psichiatra sta ideando una cura per la schizofrenia.

pinel-vr-treatment

Il trattamento sperimentale utilizzando la realtà virtuale è nato da un’idea di Alexandre Dumais, anche ricercatore presso l’Institut Philippe-Pinel de Montréal. Il progetto è stato sviluppato pensando di mettere facci a faccia il paziente con i propri demoni interiori.

 

I pazienti hanno partecipato volontariamente a questo progetto pilota, nato da uno studio concluso nel 2010 nel Regno Unito, descrivendo a una serie di tecnici e artisti i mostri che li tormentano e fornendo una lista di frasi più o meno ricorrenti che sentono nelle loro orecchie, che sono poi i tormenti silenziosi che non lasciano loro tregua.

Utilizzando un headset VR il paziente affronta così faccia a faccia le sue fobie e impara ad affrontarle e a lottare contro di loro.

Uno dei pazienti, Richard Breton, ha 52 anni e soffre di problemi mentali da quando ne aveva 20. Dato che la terapia tradizionale non funziona ha deciso di partecipare al progetto pilota e ha raccontato la sua esperienza.

“La voce mi diceva che non ero un buon padre e che nessuno mi ama. Io invece  sono una brava persona” ha risposto Breton al mostro virtuale “Insultami ma io ti rispedirò dentro di me.”

 

Parlando di visori per la realtà virtuale, ZeniMax ha fatto causa anche a Samsung dopo avere vinto in primo grado contro Oculus VR di Palmer Luckey.

Fonte VR Focus.

Pubblicato in: NEWS

Dopo aver letto questa notizia mi sento:
Felice
0%
Euforico
0%
Divertito
0%
Sorpreso
0%
D'accordo
0%
Triste
0%
Deluso
0%
About The Author
Press